Welcome to Snowfriends.it  
Cerca in Snowfriends.it - Eventi - Reports - Spot - Informazioni - Freeride - Freestyle - Interviste - Attrezzatura - Tutorial - Forum - Argomenti - Archivio - Registrati - Account - Top 10

Snowfriends Menu
 Menu :
 Home
 Snowboard
 Mtb News
 Kitesurf
 Windsurf
 Bmx
 Surf
 Skateboard
 Articoli :
 Inserisci Articolo!
 Articoli Vecchi
 Cerca nel sito
 Articoli On-line
 Iscritti :
 Lista Utenti
 Tuo Account
 Private Messages
 Comunità :
 Forum Snowfriends
 Top 10
 Web Links :
 Web Links
 Inserisci Link
 Più Visitati
 Altro :
 Sezioni
 Sondaggi
 Foto Album
 Club 2007

Happy Faces Snowboarding in Pramollo Nassfeld

Speedflying Zoncolan

One Day in One Eye

Meteo Neve
Meteo Neve
Meteo Osmer Fvg
Bollettino Valanghe Pdf
Webcams Promotur
Bovec Kanin (Slo)
Cortina Faloria
Pramollo Nassfeld
Gerlitzen
Ghiacciaio Molltaler
Ghiacciaio Dachstein
Ghiacciaio Kaprun
Ghiacciaio Hintertux

Forum Snowfriends
Search in the forums
 

Last messages

Spaccio Elan - 09-30-2013Spaccio Elan...
SOS altezza tavola + camber - 02-25-2013SOS altezza tavola...
nuovo portale per tutorials skimboarding - 11-27-2012nuovo portale per ...
Scarponi SI Burton - 04-17-2012Scarponi SI Burton...
Burton SI attacchi e scarponi - 04-17-2012Burton SI attacchi...
palmer honeycomb 163 - 04-17-2012palmer honeycomb 1...
Era ora!! - 02-12-2012Era ora!!...
Ischgl 2011/2012 - 02-03-2012Ischgl 2011/2012...
Obertauern 2-3 gennaio 2012 - 01-03-2012Obertauern 2-3 gen...
Zoncolan 2011-2012 - 12-23-2011Zoncolan 2011-2012...
Pramollo Nassfeld 2011-2012 - 12-19-2011Pramollo Nassfeld ...
Bovec 2011-2012 - 12-17-2011Bovec 2011-2012...
novità - 11-29-2011novità...
Vendo SPLITBOARD Voilè Mojo 166 2009/2010 - 11-18-2011Vendo SPLITBOARD V...
[UD+sped] Vendo maschera sci snowboard Carrera Cliff SPH - 11-13-2011[UD+sped] Vendo ma...


Snowfriends Cafè
Gli ultimi dieci post in Snowfriends Cafè

 libri: cos...
 Date compl...
 Buon compl...
 A breve pe...
 Chi non mu...
 Auguri Lin...
 20/07/2007...
 auguri kal...
 Auguri RAS...
 e giorgggg...

Cerca
Ricerca Avanzata

 
Kitesurf Tutorial: Kitesurf...Come fare....(sulla spiaggia)
Contributed by webmaster on Domenica, agosto 17 @ 17:22:35 CEST

Per prima cosa cercate di pensare al kitesurf come ad un mix di discipline diverse. La sensibilità di un windsurfer per manovrare al meglio l'ala, la partenza e la conduzione in acqua del wakeboarder, l'assetto e l'impostazione freestyle dello snowboarder.


Ma potremmo trovare anche altre similitudini, al parapendio per esempio, al surf, allo skate etc. etc.
Ci sono due tipi di ali (aquiloni) maggiormente usati. L'ala a cassoni, chiamata così per via delle tasche che la rendono molto potente, e l'ala gonfiabile. L'ala a cassoni sviluppa molta più potenza a parità di superfice, ma è difficilmente rilanciabile dall'acqua per via delle tasche che tendono a riempirsi d'acqua.
L'ala gonfiabile, più affermata, è invece meno potente, ma (a seconda dei modelli) facilmente rilanciabile dall'acqua, poichè è costituita da uno scheletro gonfiabile che ne mantiene la forma.
Ci sono naturalmente ali piccole e grandi a seconda della forza del vento, le più usate sono quelle con una superfice intorno ai 10-12 mq. L'ala è collegata ad una specie di boma da 2 o 4 cordini molto resistenti, più un cordino di emergenza o leash che negli ultimi modelli consente di sganciare l'ala senza perderla. Si sono succedute varie proposte per aumentare la sicurezza del rider, ultimamente sono la quinta linea e il leash di sicurezza. In ogni caso l'obiettivo di questi dispositivi è quello di far abbassare in acqua l'ala.

Le tavole sono di vario tipo: monodirezionali, hanno la forma di un surf con delle straps dove infilare i piedi, adatte ai principianti per il loro volume. Bidirezionali asimettriche, hanno la punta e la coda uguali, permettono andature in fakie (all'indietro) e presentano un bordo esterno più lungo (quello che lavora in acqua) e uno più corto, i piedi prendono posto in straps oppure scarpette in neoprene. Bidirezionali simmetriche, praticamente le tavole da wakeboard (vedi la sezione wakeboard).

SULLA SPIAGGIA...

Prima di poter volare sulle onde bisogna fare pratica con l'ala a riva in acqua bassa per acquisirne il controllo.
Questa fase può anche essere breve a seconda della sensibilità del surfer, ma non deve essere trascurata.
Apriremo e stenderemo sulla sabbia la nostra ala con la parte gonfiabile rivolta verso la direzione del vento, zavorrandola al suolo con un pò di sabbia fresca o altro per impedire che voli. Gonfiamo accuratamente lo scheletro e svolgiamo i cordini stendendoli in chiaro sulla spiaggia (non attorcigliati).
Quando siamo pronti facciamoci aiutare da un altro surfer che alzerà l'ala per farle prendere vento. Teniamo le mani larghe e distanziate sul boma e non dimentichiamoci di assicurare la strap di emergenza al nostro polso oppure il leash di sicurezza integrato sui nuovi modelli.
L'atteggiamento del corpo deve essere aggressivo, pronto a bilanciare e assorbire la spinta dell'ala che può essere anche molto forte e violenta.
Appena il nostro aiutante lascerà l'ala, questa salirà allo zenit (sopra la nostra testa) e li rimarrà se manterremo le mani larghe, distanziate e alla stessa distanza dalle spalle.

E ora subito in acqua in sicurezza!

Ancora meglio se con l'aiuto di un altro svolgiamo le manovre di lancio direttamente in acqua bassa in zona tranquilla.

Quando ci sentiremo pronti in acqua bassa, con movimenti lenti e poco ampi cominceremo a flettere un braccio e poi l'altro portandolo verso le spalle per vedere come si comporta la vela.
Se portiamo la mano destra verso la spalla destra tenendo disteso il braccio sinistro l'ala scenderà verso destra e sentiremo una spinta più o meno forte verso destra.
Viceversa con la sinistra. Quando l'ala scende da un lato o dall'altro noi dovremo contrastare con un movimento contrario per impedire che precipiti.
L'ala può spostarsi fino a circa 80° sul lato (destro o sinistro) poi perde portanza e precipita con uno schianto (attenzione a dove precipita!). Lo spazio compreso tra 80° a destra e sinistra rispetto a noi si chiama "finestra". Dentro la finestra l'ala sviluppa potenza e ci tira, fuori dalla finestra precipita. Ecco perchè è fondamentale acquisire un pò di sicurezza e di automatismi a terra. Pensate a quando saremo in acqua e dovremo pensare a molte altre cose tutte insieme.
Un esercizio importante è quello di eseguire con l'ala degli 8, facendola scendere prima da una lato e poi dall'altro cercando di matenerla nella "finestra", bilanciandoci con i piedi e saltando in aria se necessario quando l'ala spinge.
Non sottovalutate la potenza del vento, se colti alla sprovvista potreste farvi svariati metri di faccia sulla spiaggia o in acqua trascinati dalla vostra ala e non è il massimo!



 
Related Links
· More about Kitesurf
· News by webmaster


Most read story about Kitesurf:
Fski - Il kitesurf a Focene - Fiumicino - Roma


Article Rating
Average Score: 4.5
Votes: 2


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



Options

 Printer Friendly Page  Printer Friendly Page

 Send to a Friend  Send to a Friend



Login Amministratori - Email - Privacy & Disclaimer - Live Stat - Web Mail

© 1999-2012 Snowfriends.it
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Page Generation: 0.498 Seconds